Trasferta di gruppo per la Polisportiva Oltrefersina Mtb che dopo i due weekend dedicati all’Italia Bike Cup ha “cambiato challenge”, passando agli Internazionali d’Italia Series che hanno aperto i battenti in quel di San Zeno di Montagna (VR) per la Pineta Sperane Mtb. Due giorni di gara, con il sabato dedicato alle categorie assolute e la domenica riservato alla gara nazionale per amatori e categorie giovanili.
Al sabato una corposa partecipazione del sodalizio trentino alla prova junior, vinta dal lombardo Tommaso Bosio che si divide fra strada e mtb davanti all’iridato di ciclocross Stefano Viezzi. In casa Oltrefersina il migliore è stato Matteo Biasi, che ha chiuso al 77° posto. 89° Marco Traverso Montani, 92° Alessio Andreatta, 113° Carlo Sottovia e 116° Filippo Leita.
Alla domenica la mattinata dedicata agli amatori ha portato belle soddisfazioni per la squadra trentina (nella foto). Ancora una volta sugli scudi Simone Pintarelli, capace di conquistare il gradino più basso del podio fra gli M2 a 47” da Gabriele De Paul (Team Todesco), riducendo di moltissimo il divario rispetto alla prova di Verona di due settimane prima. Altro podio grazie a Silvia Lizzi, seconda fra le Master Women a 6’12” da Federica Sesenna (RF Team). Nelle altre categorie 10° Luca Tonezzer fra gli M4, 12° Alessandro Andreatta e 17° Mauro Piffer. Negli M1 9° Marco Alverà.
Al pomeriggio spazio ai più giovani su un percorso senza un grande dislivello ma molto tecnico e davvero faticosissimo. Per questo assume rilievo la prestazione di Mattia Carli, in gara fra gli Esordienti 1° anno, che ha chiuso 56° recuperando però almeno una cinquantina di posizioni dalla partenza. Fra i 2° anno 51° Gianluca Bernardi e 114° Martino Perini. Ancora una gara di rilievo per Sirio Bortolato fra gli Allievi 2° anno, 19° a 4’01” dal vincitore Jacopo Putaggio (Ucla 1991), nella stessa categoria 97° Lorenzo Gottardi. Fra le Allieve 1° anno 20° posto per Camilla Tonezzer. Ora un fine settimana di riposo dopo tante fatiche, utile per ricaricare le pile.